(Italiano) La Berritta

(Italiano) La berritta è un copricapo che fa parte dell'abito tradizionale maschile tipico della Sardegna.

Images and Video

About

(Italiano) La berritta è fatta in panno nero o in stoffa di orbace, ed il suo nome è il termine sardo per indicare il berretto. E' uno dei simboli della Sardegna, utilizzato in tutta l'isola fino alla fine dell'Ottocento-inizi del Novecento, ed oggi indossato principalmente per manifestazioni folkloristiche.
La berritta classica, quella diffusa a fine Ottocento, era composta in filato di lana, trattato in modo tale da confondere anche i più esperti sul tipo di materiale utilizzato. Di solito era realizzata a forma di tubo, lunga circa 150 centimetri, chiusa alle estremità ed indossata in modo tale che diventasse un sacco lungo circa 70 centimetri. Le berritte di oggi sono fabbricate con metodologie diverse rispetto al passato, utilizzando come materiale panno o orbace ma variando dimensioni e fattezze. La struttura è tubolare tronco-conica, ha una lunghezza che va mediamente dai 50 ai 100 centimetri, viene indossata lasciando ricadere l'estremità su un fianco o dietro le spalle.
In alcune occasioni di festa la berritta viene ripiegata oppure è lasciata poggiata sul capo. Nel nuorese viene di solito utilizzata una berritta chiamata sa berritta longa ("la berretta lunga"), perchè arriva quasi sempre a 100 centimetri, anche se ormai i gruppi folcloristici tendono ad utilizzare una versione più corta per motivi di comodità. Di solito la berritta ha il colore abbinato all'abito tradizionale, tranne che per il corpetto che varia di paese in paese. Nella tradizione folkloristica del paese di Ovodda è presente una versione femminile di questo copricapo, chiamato cuffietta, per la sua caratteristica forma. E' essenzialmente una cuffia che serve a tenere i capelli raccolti e viene indossata sopra su tullu (velo bianco) o sul muccadore (pezzo di stoffa ricamato, chiuso a triangolo, messo sul capo e tenuto fermo da una spilla). In questo ultimo caso, la berritta è fatta in velluto o broccato, ed è decorata con sa vetta, una fettuccia dorata o argentata. La berritta è fermata sotto il mento con un nastro rosso allacciato all'altezza delle orecchie.
La berritta è uno dei simboli più famosi della Sardegna e del folklore sardo, utilizzata anche da maschere tipiche come gli Issohadores del Carnevale di Mamoiada, o da artisti di fama internazionale come i Tenores di Bitti. Negli anni '60 fu attivo un gruppo musicale beat sardo, capitanato da Benito Urgu, che ebbe un successo nazionale, chiamato i Barrittas, in onore del tradizionale copricapo.

Offers linked to the Article