(Italiano) Le Cogas

(Italiano) Le Cogas sono delle figure appartenenti alle credenze popolari della Sardegna centro-meridionale.

Images and Video

About

(Italiano) Le Cogas, chiamate anche Bruxas, erano delle streghe che di notte si infiltravano nelle case dove erano presenti bambini maschi appena nati. La loro intenzione era di uccidere i neonati, ed i genitori ponevano sulla culla del neonato un bastone di canna e un rosario benedetto per impedirne l'attuazione. Le Cogas, affianco alla culla, contavano i grani del rosario, ma non riuscivano a contarli tutti prima dell'alba. Alle prime luci del giorno le creature scappavano per non essere colpite dalla luce del sole nascente, che impediva loro di finalizzare il piano diabolico.
Le Cogas erano creature con sembianze di vecchia megera, ma potevano assumere qualunque forma, e potevano essere riconosciute grazie alla presenza di una piccola coda presente in loro dalla nascita. Si narra che San Sisinnio le scacciò dal paese di Villacidro.
Le Cogas sono presenti in altre culture e sono associate alla figura di Lilith, antica divinità sumera, considerata dall'ebraismo un demone femminile.
Per proteggere i bambini, i genitori ponevano un amuleto attorno al collo dei neonati maschi. Per confondere il demone, ai bambini maschi non venivano tagliati i capelli in modo da poter sembrare delle femmine. Per questo motivo in Sardegna e in altre regioni era usanza non tagliare i capelli ai neonati finchè non raggiungevano un anno di vita. In altre regioni si utilizzava, al posto del rosario, una scopa che serviva per impedire alla strega di uccidere il bimbo. La strega si metteva a contare le setole, distraendola dal compiere il terribile atto.

Offers linked to the Article