Description of the Municipality of Cabras

(Italiano) Cabras è un comune della Sardegna nella provincia di Oristano e si trova nella regione del Campidano di Oristano.

(Italiano) Cabras sorge in prossimità dello Stagno di Cabras, uno dei più grandi stagni di acqua dolce della Sardegna, punto nevralgico dell'economia del paese. Cabras è conosciuta per le sue bellezze naturalistiche: la Penisola del Sinis si estende da Capo Mannu fino a Capo San Marco con le spiaggie sabbiose di Punta Maimoni, Is Arutas, Mari Ermi, Cala Saline con la Salina e la spiaggia di Putzu Idu. Tutte queste spiagge fanno parte dell'Area Marina Protetta Penisola del Sinis-Isola Mal di Ventre. Lo stagno di Cabras è famoso per la presenza di numerosi uccelli acquatici fra i quali i fenicotteri rosa. Cabras è conosciuta per essere la maggiore produttrice sarda della tipica bottarga, che si può degustare nei piatti tradizionali della zona.
Nel territorio di Cabras sono presenti varie testimonianze del passato. Recentemente Cabras è balzata agli onori della cronaca internazionale per il ritrovamento di numerose statue di periodo nuragico, denominate Giganti di Mont'e Prama, nella località dalla quale prendono il nome. La situazione ancora oggi è in continua evoluzione, con nuovi ritrovamenti, ma rappresenta una pagina che sta riscrivendo la storia delle antiche civiltà del Mediterrraneo. Altre importantissime testimonianze sono le tombe di Cuccuru is Arrius, datate al 4000 a.C., e le rovine dell'antica città di Tharros, edificata dai fenici nell'VIII secolo a.C.. Nel sito archeologico si trova traccia di più epoche storiche, con la presenza di due nuraghi e il villaggio sulla collina di Muru Mannu, e altri reperti e costruzioni del periodo punico-romano.
A Cabras è possibile visitare architetture religiose come la Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, edificata nel XVII secolo in stile Barocco, dedicata alla patrona; la Chiesa di San Giovanni di Sinis, situata nei pressi dell'omonimo borgo, edificata nel periodo bizantino a metà del VI secolo, considerata una delle più antiche chiese della Sardegna. La chiesa di San Salvatore di Sinis è situata al centro del borgo di Sinis ed è caratterizzata dall'antico santuario pagano del periodo nuragico, che si trova nei sotterranei, e dai pregiati graffiti romani presenti sulle sue mura. A Cabras è presente il Museo Archeologico Comunale Giovanni Marongiu, inaugurato nel 1997, che ospita i reperti archeologici provenienti dai siti di Cuccuru is Arrius, della città di Tharros e una sezione dedicata ai Giganti di Monte Prama.
Una delle manifestazioni più famose organizzate a Cabras è la festa di San Salvatore, processione religiosa che rievoca il salvataggio del simulacro di San Salvatore da un attacco dei saraceni nelle acque del Golfo di Oristano. I partecipanti sono circa ottocento uomini scalzi vestiti di bianco, che percorrono i 7 km lungo le strade del Sinis. Il giorno seguente viene fatto il tragitto inverso, riportando il simulacro a Cabras. La festa si svolge il primo fine settimana di settembre.

Map of the municipality of Cabras