Description of the Municipality of Gonnostramatza

(Italiano) Gonnostramatza è un comune della Sardegna nella provincia di Oristano. Sorge nella regione storica della Marmilla in una vallata ricca di vigneti, oliveti e mandorleti.

(Italiano) Gonnostramatza è attraversata dal rio Mogoro, che la divide in due rioni: "Su Xiau Mannu" (il grande rione) e "Su Xiadeddu" (il piccolo rione). Nel suo territorio sono presenti tre ponti che rendono possibile il passaggio, uno del XVI secolo, uno edificato al posto di un importante ponte romano a cinque arcate, abbattuto nel 1928 per la costruzione degli argini sulle sponde del fiume, e l'ultimo costruito negli anni '60 allo scopo di collegare le strade provinciali di Cagliari e Oristano.
Il territorio è ricco di testimonianze storiche del passato, come la struttura funeraria di "Bingia e Monti", dove è stata ritrovato un collier, il più antico monile d'oro ritrovato in Sardegna.
Nel centro storico di Gonnostramatza è possibile vedere le antiche case costruite in stile campidanese. Sono presenti vari edifici religiosi: la chiesa patronale di San Michele Arcangelo, con il caratteristico retablo opera di Lorenzo Cavaro, famoso pittore cagliaritano del XVI secolo; la chiesetta di Sant'Antonio Abate; e la chiesa di San Paolo, in località Serzela, antico borgo distrutto. A Gonnostramatza è possibile visitare il Museo delle Incursioni Barbaresche in Sardegna "Turcus e Morus", allestito nel vecchio Montegranatico, al cui interno sono documentate le incursioni barbaresche di Turchi e Mori attraverso l'illustrazione degli avvenimenti che caratterizzarono un lungo periodo della storia della Sardegna. Nella chiesetta vicina di San Paolo è presente una lapide, in lingua sarda, che indica la distruzione del paese di Uras per mano dei Turchi e dei Mori.
L'evento principale organizzato a Gonnostramatza è la festa patronale in onore di San Michele Arcangelo, che si svolge ad agosto con manifestazioni sacre e civili.

Map of the municipality of Gonnostramatza